Torta magica alla vaniglia,torta magica al cioccolato e le cellule

Da un punto di vista biologico cosa succede quando una cellula smette di muoversi?
Una cellula inerte,ferma è una cellula improduttiva.
E le altre?
beh caspita le altre dovranno pur fare il suo lavoro,dovranno compensare.
E invece no.Imiteranno la cellula impazzita,inizieranno a diventare inerti anche loro.
E l'organismo?
L'organismo muore.
Ma la biologia è una cosa straordinaria e questo processo degenerativo può essere invertito.
Come quando una ferita inizia a guarire.
E quando una cellula inizia a guarire crea energia e questa energia fa muovere anche le altre.Si crea tutto un rimescolamento,le cellule iniziano a ballare la samba.
Ma che dico samba...
Samba,rumba,bossanova e perchè no pure lo Zumba visto che ci siamo
E si urtano,si spingono,si guardano magari in cagnesco finchè...finchè capiterà una che dirà all'altra,in mezzo a tutto quel bordello:
"Ma io ti conosco.Io so chi sei,tu sei mia amica.Lavoriamo insieme."
E il processo di guarigione inizia.
SE tutte le cellule lavorano insieme,l'intero sistema guarisce.
Pura biologia?No,pura realtà.
Dall'infinetesimale,dal piccolo al macro,al grande.
Perchè basta una persona che si ferma e l'amicizia,l'amore,la famiglia,il gruppo,una comunità,la scuola,la società intera si fermano anch'esse.iniziano a diventare improduttive.Si ammalano.Un singolo che si inceppa  è l'intervento a gamba tesa.Ma non c'è l'arbitro che fischia il fallo e ferma l'azione.
E' un pò quando in un rapporto d'amore uno inizia ad essere stanco.E molla la presa.E poi si ferma.L'altro quanto può tirare avanti da solo?I primi tempi,e poi l'apatia dell'altro lo contagerà.E la coppia nella maggior parte dei casi,morirà.
Ma basta un pizzico di energia a rimescolare le carte.A risanare la ferita.
A risanare una società
.Perchè l'energia è contagiosa.
Ammazza.
Più del morbillo,
più della scarlattina,
più del mal di pancia.
E all'inizio quando un individuo si risveglia beh,mizzica,ti sta pure antipatico.
Perchè tu sei lì bello bello,buono buono che ronfi sognando i mari del Sud e quello ti viene a svegliare.
Non ti vuoi muovere,non ce la fai.
Pensi che ormai non servirà a nulla.
Ma poi arriva il contagio e ti rendi conto,dopo un semplice check-up che tutto ti funziona.
E inizi a crederci.
E a tua volta inizi a dare gomitate ad un altro dormiente,e ad un altro ancora e cosi via.
Il sistema guarisce.
L'ideale però sarebbe agire a monte.
Curare il singolo.
Non permettere che l'amica,il compagno,il vicino di scrivania possano smettere di provare energia e interesse.
Non permettere che gli scolari,le squadre,i cittadini possano smettere di credere
La cura dell'altro è fondamentale.
Sempre!
Il mio pensiero è stato ispirato da un film.Una semplice commedia vista per caso,io che di solito mi nutro a thriller,noir e ehm....mattoni.
Il film è "Colpi da maestro" (2012)

Oggi la torta magica.Una torta magica.Perchè si fa come tutte le altre torte ma in realtà vien fuori a strati.Un pan di spagna che nasconde un flan,che a sua volta nasconde uno strato  intermedio.Il tutto sporcando solo le fruste elettriche.Niente pentolini,girate forsennate di creme impazzite!
Accortezze:una teglia non troppo larga,altrimenti gli strati si disperdono.Meglio se rettangolare,all'incirca 20,5 cm. di lunghezza.
.La cottura ideale 160 gradi per una cinquantina di minuti.In questa maniera vi verranno tre strati definiti,consistenti e scenografici.Ma può accadere che la prima volta non riesca alla perfezione.Niente paura il risultato finale è godibilissimo come vi mostrerò per la versione al cioccolato.Vi verrà fuori una torta-cioccolatino buonissima!
Altro requisito fondamentale:non toglietela dalla teglia ,è troppo delicata.Servitela a tranci rettangolari,quadrati,a dadini nei pirottini.
Fatela riposare in frigo almeno una nottata.Il giorno dopo gli strati sono ancora più compatti e pieni di consistenza!
la ricetta originale viene dal sito spagnolo:Pasteles de colores.Mi sembra che abbia origini rumene,ma non ne sono sicura!

Torta magica (versione base alla vaniglia)

4 uova
150 gr zucchero
1 cucchiaio di acqua calda
125 gr burro
115 gr farina
1 pizzico di sale
vaniglia(o estratto o vanillina)
500 ml latte intero.
qualche goccia di limone


Fate fondere il burro (al microonde o a bagnomaria) e farlo raffreddare.
Separate i tuorli dagli albumi.Montate subito questi ultimi a neve con qualche goccia di limone  e metteteli da parte,cosi' non ci pensate dopo.
Scaldate un pò il latte con i semini del baccello di vaniglia (o con 1 cucchiaino di estratto o la vanillina).fatelo intiepidire.
Montare per cinque minuti i tuorli con lo zucchero e il cucchiaio di acqua calda.
Aggiungere il burro fuso e continuare a mescolare.Unire  il sale e la farina setacciata.
Sempre mescolando aggiungere il latte tiepido e infine gli albumi!
A questo punto mettere il composto nella teglia imburrata e infarinata.E' liquido,quindi non pensate di aver sbagliato qualcosa!mettete in forno caldo  a 160 gradi per 50 minuti!





Torta magica versione al cioccolato(con cottura non "attenta")

4 uova
1 cucchiaio di acqua calda
150 gr zucchero
500 ml latte intero
70 gr farina
45 gr cacao amaro
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella
125 gr burro
1 pizzico di sale
qualche goccia di limone


Fate fondere il burro (al microonde o a bagnomaria) e farlo raffreddare.
Separate i tuorli dagli albumi.Montate subito questi ultimi a neve con qualche goccia di limone  e metteteli da parte,cosi' non ci pensate dopo.
Scaldate un pò il latte 
Montare per cinque minuti i tuorli con lo zucchero e il cucchiaio di acqua calda.
Aggiungere il burro fuso e continuare a mescolare.Unire  il sale e la farina setacciata e il cacao amaro.
Sempre mescolando aggiungere il latte tiepido e infine gli albumi!
A questo punto mettere il composto nella teglia imburrata e infarinata.E' liquido,quindi non pensate di aver sbagliato qualcosa!Se volete gli starti ben definiti rispettate le dimensioni della teglia e la cottura.Io qui ho utilizzato una teglia un pò più grande e una cottura inferiore come  tempi.Il risultato?ottimo,vien fuori una godibilissima torta-cioccolatino!Un interno morbidissimo!












20 commenti:

  1. mmm ma che buona questa torta, in entrambe le versioni!! per fortuna che mi sono lasciata un posticino libero nello stomaco dopo pranzo.... ma che bontà hai fatto? :) ♥

    RispondiElimina
  2. Io so-no c-e-llu-la I m pazz-i::::ta ... --- Vo***lere un !!!qu-a-d-r-at-i-n-o....Tua /////t/o//r/t//a M=a=g=i=c=a .... gnneee pzzzz .... prrrrrr.....bzzzzz.....

    RispondiElimina
  3. Mi hai davvero incuriosito con queste torte, zero fatica e ottimo risultato!!

    RispondiElimina
  4. Ciao tesoro, non c'è nulla di più vero che l'introduzione che hai fatto. L'energia è vita! Mi hai incuriosita e credo che mi vedrò il film che hai citato ;)
    Circa la torta, è bellissima e chissà quanto dev'essere buona! :P
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Pennacchietta, i tuoi post mi lasciano sempre uno spunto, una riflessione, qualcosa a cui pensare...sei un vulcano!!! Sei una fonte di energia incredibile.

    :*

    RispondiElimina
  6. mmmmmmmmm le mie cellule sono.....e le mie cell....
    va bè passo.
    Andiamo alle torte,allora prima che finisce la scuola io assaggerei volentieri una delle due o entrambe non mi formalizzo,sai la mattina sono sempre di primo appetito. Ciao soreta <3

    RispondiElimina
  7. Dovremmo lasciarci contagiare tutti dall'energia di una persona piuttosto che dal ronfare di un'altra... il mondo sarebbe senz'altro migliore!
    Si può applicare anche ai nostri blog: tu copi da una, io copio da te, qualcun'altra copia da me... e così una torta gira e gira e fa felici moltissime persone!!!! ed ecco che il buonumore si estende a gogò...
    Salvo le tue torte, sono da provare assolutamente!!! giusto per mantenere le cellule vive ;-)))
    un abbraccio.
    Stefy

    RispondiElimina
  8. amica mia carissima ti giuro che questa torta a strati non l'avevo mai ne vista ne sentita nominare!!
    Interessante soprattutto visto che è facilissima da preparare!!
    brava! un abbraccio grande

    RispondiElimina
  9. Hai ragione Monica basta un gesto insignificante ma forte che spezza la monotonia l' abitudine a non lottare piu' che puo' cambiare veramente le cose. Devo vedere quel film e devo rifare questa torta incredibile. Baci cara

    RispondiElimina
  10. Io penso di avere, in certi giorni, le cellule dissociate (pensa so capace de fa litigà pure quelle tra di loro)!!
    Mi piacciono queste due tortuzze :-)!!
    Bacio e buonanotte!

    RispondiElimina
  11. sai ceh questa mi ispira assai, la voglio provare, l'idea è proprio ganzissima!!!

    RispondiElimina
  12. ...le mie cellule in questo momento non so nemmeno se le ho Monicuzza...sono crepata, devastata..vado a letto adesso che c'ho i piedi come due ferri da stiro...però adesso questo film lo devo vedere, mi hai messo una curiosità...e la torta super interessante, poi mi vado pure a sbirciare il blog spagnolo ^_^..
    Ti abbraccio forte amica...meno due settimane al trasloco...ce la farò? mah!
    Bacio! Roby

    RispondiElimina
  13. (avevo commentato e il simpatico blogger mi ha cancellato tutto...ecco...ora non mi ricordo piùùùù)
    Dicevo comunque che la tua ricetta, non fosse per gli ETTOLITRI di latte che ci sono poteva essere la soluzione per i suoceri (terroni) in arrivo domani a Firenze! E invece non la potrò fare :P
    Comunque quella cosa di cui parli io la chiamo effetto domino. Caduta a valanga. Contagio. E ci credo davvero, basta solo aprire il cuore nel modo giusto, e anche gli occhi.
    Ti bacio tanto!!!

    RispondiElimina
  14. che goduria questa torta, echetelodicoaffà la devo provà! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. proverò la tua versione...Giusi http://www.giuliamaria.it/blog/2013/03/13/la-torta-magica-o-quasi/

    RispondiElimina
  16. Ci voleva la magia di questa torta per farmi arrivare qui....il mio più grande difetto e' l' essere rigida, prendere una posizione e non spostarmi di mezzo centimetro...poi però capisco che non sempre esserlo porta giovamento...mi ci vuole del tempo ma poi comincio a camminare per non smettere di correre......la mia torta magica l' ho già preparata, mi manca quella al cioccolato!!!!
    Contenta di essere riuscita a tornare!
    A presto Gabila

    RispondiElimina
  17. ciao,le tue ricette sono interessanti io amo fare i dolci e vado sempre alla ricerca di buone ricette. queste due torte magiche le proverò e poi ti dirò.

    RispondiElimina
  18. Ciao, complimenti per il blog, l'ho scoperto stamattina e mi sembra proprio ben scritto! Rispetto a questa ricetta, invece, mi permetto una voce fuori dal coro... Ho fatto la versione alla vaniglia, un po' di tempo fa (l'avevo presa da un altro sito, ovviamente, ma il procedimento e gli ingredienti sono gli stessi) ma, pur essendomi venuta tecnicamente perfetta, nel senso che gli strati erano distinti, io l'ho trovata piuttosto insipida e questa consistenza strana, un po' budino, un po' torta, un po' via di mezzo, mi ha stranita abbastanza...E' la prima volta che una torta non sparisce nel giro di 24h!!! Io non la rifarò, a meno di provare quella al cioccolato, che mi sembra più compatta... Tu che consigli?
    A presto rileggerti...
    Cristina

    RispondiElimina

Instagram