La ricetta definitiva per un ottimo thè freddo e le principesse sul pisello




Alte, basse, magre, grasse. Rosse, more, bionde. Taccate, staccate o scalze.
Non ha importanza. In ognuna di noi c'è una bella principessa che non aspetta altro che di essere evocata.
E non venitemi a dire che non trovate la corona. Guardate bene che siete nate coronafornite. Magari l'avete dimenticata in una tasca di un vecchio cappotto o magari è insieme a quei millemila calzini spaiati che avete nascosto sotto la sedia in camera.
Dite di no?
Credetemi c'è. Se provate ad osservare il Dna di una donna al microscopio troverete la corona incastrata tra un cromosoma e un nucleotide.
Tutto sta a prenderne consapevolezza.
Non aspettatevi di trovare all'improvviso le scarpette di cristallo sullo zerbino o di cadere tra le braccia del Principe Azzurro. Tsè,quella è roba superata.
La principessa moderna viaggia in tram, il biberon in una mano e il Sole 24 ore nell'altra.
O magari è a casa che stende vestiti e ripassa mentalmente il canto ottavo della Divina Commedia.
Oppure è in un negozio che piega magliette, fa palloni con la Big Babol e ascolta la nona di Beethoven.
Principesse strampalate ma moderne.
Però...però anche le vecchie principesse delle fiabe hanno la loro importanza.
Darwin l'ha dimostrato scientificamente!
Il cuore delle donne discende da Cenerentola, Biancaneve & Co.
Perchè in fondo ognuna di noi assomiglia ad una di loro.
Cenerentola?
Chi di voi non ha una matrigna cattiva alias capoufficio o suocera arcigna nella propria vita? E quante di voi fanno come Cenerentola, abbassano la testa sopportando, perchè credono fermamente in un domani migliore? E il fatto che trascorrano la propria giornata piegate a passare il Mocio Vileda poco importa.
E Biancaneve? Se c'è una cosa che ho odiato di quel film sono state sempre le canzoni.
Però a pensarci bene Biancaneve non è il prototipo di "Canta che ti passa"? Altrimenti la malinconia le taglierebbe anche le gambe
Ariel la sirenetta, la principessa che vuole sovvertire l'ordine stabilito delle cose: perchè una sirena non può amare un uomo? E Ariel pur di raggiungere caparbia il suo obiettivo è disposta a pesanti rinunce.
O Jasmine di Aladdin che rifiuta un matrimonio combinato ?
Però consentitemi una riflessione ,s uggeritami come questo discorso dal testo "Principesse si diventa"della Felicetti.
Sapete qual'è la principessa più tosta di tutte?
La principessa sul pisello.
Perchè lei non si accontenta. Perchè lei vuole solo il meglio per sè e non è disposta a scendere a compromessi.

E le principesse toste amano sorseggiare il thè.
Caldo d’inverno e freddo d’estate.
Ma diamine, le polverine, quelle finte quelle che si rianimano con un litro di acqua…no grazie, non fanno per noi.
Finalmente ho trovato il sistema giusto., gironzolando in rete.
E questa è diventata la mia ricetta , quella infallibile, quella che mette tutti d’accordo.
La condizione essenziale è utilizzare un thè di ottima qualità.
La mia scelta ricade sempre sull’Earl Grey.
Utilizzare questo sciroppo di thè è facilissimo.
Si prepara e poi si diluisce al momento nei bicchieri.
Una parte di sciroppo e cinque di acqua 
Potete aromatizzarlo come volete.
Io utilizzo sempre un mix di limone (o lime) e menta.
E una cascata di ghiaccio
La dose che vi do è per mezzo litro di sciroppo, preferisco farne poca per volta in modo da non lasciarla troppo in frigo Potete anche raddoppiare tranquillamente le dosi e otterrete un litro di ottimo sciroppo di thè
(fonte ricetta:QUI)



 SCIROPPO DI THE’

325 grammi di zucchero
325 millilitri di acqua
5 bustine di thè


Metti tutti e tre gli ingredienti in una casseruola e porta ad ebollizione.
Abbassa la fiamma e fai sobbollire per dieci minuti.
Fai raffreddare lo sciroppo ottenuto e poi trasferiscilo in una bottiglia che terrai in frigo.
Puoi aromatizzare lo sciroppo  con limone nella quantità che preferisci  o puoi farlo diret

tamente quando lo servirai.
Le dosi indicative per utilizzare al meglio questo sciroppo sono: 1 parte di sciroppo-5 parti di acqua

Puoi utilizzarlo anche per ottenere dell’ottimo thè caldo

8 commenti:

  1. ahah.. sì. E' vero. Una principessa si nasconde un po' dentro tutte, a seconda della 'fiaba' che ci troviamo cucite addosso. E questo è bello, in fondo, perché resta sempre un pochino di poesia... 'antica', direi. Però concordo con te: la più tosta è quella sul pisello. E se mi è permesso, delle volte ci si accorge di lei perché 'ci sta proprio sopra'. Tu la vedi e la riconosci.. per la facilità con la quale li cerca ovunque (magari per un buon minestrone, si intende) e per la simpatia che ti ispira, tanto che vorresti dirle 'oh, ma si vede lontano un miglio che stai sui piselli tu.. sei un tantinello pesante, tesoro'. E il tuo sciroppo di té? Geniale. ^_^ Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Ahahahhahahhahaahaaahaahaha, meravigliosa Monica! :-))))))))))
    Ecco, sì! Bisogna prendere solo consapevolezza!

    Mentre questo sciroppo di tè va fatto prima di subito perché è davvero una genialata!
    Trovo che sia anche una bellissima idea per i regalini home made estivi!
    Grazie mille per la condivisione!
    Un abbraccio grandissimo e buon tutto, dolcezza!!!! :-* :-* :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ho letto questa ricettina, ne ho fatto in quantità esagerate e in mille gusti diversi, facendo degli abbinamenti con i vari tipi di thè! ;-)
      Ed hai ragione, niente a che vedere con quello comperato!
      Meriti davvero un bacio con lo schiocco! Eccolo! :-**********************************************
      :-))))))))))))))))))

      Elimina
  3. Caspita che idea! E chi ci aveva pensato. Io non compro il tè gia pronto perchè preferisco farlo da me, ma capita spesso che quando in frigo c'è, non lo consuma nessuno! In questo modo è OK!

    RispondiElimina
  4. Cavoli che bella idea, lo provo, sì sì! E credo proprio oggi :)
    Mi aspetta un'estate di studio, almeno la "principessa studiosa" che è in me avrà un ottimo tea time per staccare un po' ;)
    Baciotti,
    Sabrina.

    RispondiElimina
  5. Io non abbandono ma il mio amato thè con qualunque temperatura, e in este preparo spesso la versione fredda, voglio provare il tuo metodo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  6. Monica io so che qui trovo sempre un sorriso...ed anche oggi che fuori è grigio afa, e dentro sono come la cenere di Cenerentola, qui ho trovato un piccolo squarcio di luce....
    ...e magari mando giù sta giornata con un bel te!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao! Mi chiamo Cristina e voglio ringraziarti per questa ricetta che ho appena provato. Ho diminuito le quantità di zucchero perché mi piace meno dolce e ho usato un earl grey... ottimo oltre che comodissimo! :-)

    RispondiElimina