I bocconcini alle mele e Carlotta e le sue amiche

".......Nelle mie notti passate a misurare l'area delle piastrelle di casa mia ho preso una decisione.
Anche casa mia è una mediamente.Settanta metri quadri,terzo piano senza ascensore.Due camere,una cucina che ha visto tempi migliori ,un salottino e un bagno.Va beh bagno è una parola grossa.Diciamo che in due non ci si sta.Ci si deve chiedere permesso e appiattirsi contro il lavandino per far passare l'altro.Il che credetemi,è una cosa alquanto seccante.A meno che lo strusciamento non presupponga un approccio di altro tipo.E allora è un altro paio di maniche.Comunque,approcci o no,la casa non va più bene.Bisogna cambiarla.Almeno novanta metri quadri.Un attico ecco.E pure in centro.
Stamattina l'ho comunicato alle mie amiche.
Avete presente il buono,il brutto e il cattivo?ecco,noi dai tempi dell'università siamo la grassa,la bassa e la smilza.
Io la smilza (ai tempi),Lara è la bassa e Ginger è la grassa.Tre scalcinate studentesse di lettere perennemente fuori corso e perennemente dentro il bar dell'Università.La prima lezione andava,la seconda iniziavano gli sbadigli la terza presupponeva la fuga incondizionata.Ore passate sedute a chiacchierare.Più che altro di uomini.Più che altro di anatemi lanciati contro gli uomini.Caffè,tramezzini e lacrime.E poi risate.E poi ancora lacrime.E le ore passavano.
Abbiamo capito che forse stavamo esagerando quando il barista un giorno c'ha messo in mano la scopa ,il Mocio e la pezzetta per lavare il bancone al grido di "E che minkia".
Nessuna di noi tre alla fine si è laureata.Ginger si è sposata a ventiquattro anni.Ha tre figli.Tre maschi.E due mariti.Sforna torte a casa in nero con l'incubo della Guardia di finanza e dei Nas.Se li sogna anche la notte.
Lara fa la segretaria in un'agenzia immobiliare.Non si è sposata,non ha fidanzati,ha solo un gatto.
Nando si chiama.Le ho detto che non è un nome da gatto.
Lei mi ha mandato a cogliere ravanelli.
Ma lei è così.e mi piace proprio per questo.Ognuno dovrebbe avere una Lara nella propria vita.Ognuno dovrebbe avere una persona che ogni tanto ti manda sinceramente e brutalmente a coglier ravanelli.Con affetto senza dubbio.Ma ti ci manda.E questa cosa ti riporta con i piedi a terra.
Perchè io ho la sindrome dei piedi in mongolfiera.Ogni tanto mi alzo in volo.Troppo.E Lara è come se riempisse la mia mongolfiera di sacchi di sabbia.E mi riporta giù........."
to be continued...Carlotta Pallotta parte seconda ,la prima la trovate QUI!

Guardate cosa ho scovato in un blog francese (Chocolat à tous les étages).I bocconcini di mele.sapete quanto ci si impiega a prepararli?Cinque minuti.A cuocerli?Una decina.A mangiarli?Due secondi.Piccoli,piccoli l'ideale sarebbe farli in stampi da mini muffins.Io li ho fatti un pò più grandi,ma vengono lo stesso deliziosi!
Baciiiiiiiiii!!!!
  
Bocconcini alle mele (dose per 10\12 bocconcini)

35 gr burro morbidissimo
100 gr farina
100 gr zucchero
2 uova
1\2 cucchiaino di lievito
1\2 vasetto di yogurt bianco 
1 pizzico di sale
1 mela

Montare leggermente il burro con lo zucchero.Unire mano mano tutti gli ingredienti tranne la mela.Sistemare l'impasto in piccoli stampini per muffins o mini muffins imburrati e infarinati (oppure se preferite rivestiteli con i pirottini di carta).Sbucciate e affettate a dadini la mela e sistematela sopra i bocconcini.
Mettete in forno caldo e cuocete a 180 gradi per dieci,quindici minuti (fate la prova stecchino).
Spolverizzate con zucchero a velo.



12 commenti:

  1. Marasgnam!!!! Sbafando queste piccole delizie aspetto il seguito! Un bascio enooorme!

    RispondiElimina
  2. Cioè.. prima mi avvolgi e mi rapisci con la seconda parte di Carlotta Pallotta.. sono lì lì per voler leggere da subito il seguito e poi.. poi mi avvolgi nuovamente e mi rapisci nuovamente con questi bocconcini assurdamente buoni!! Beh. Ti adoro!! Dire che sparirebbero in un nanosecondo è il minimo!! <3 Un bacione, Moni <3 <3

    RispondiElimina
  3. ciao, piacere di averti trovata, questi dolcetti con la sorpresa, le mele, sono spettacolari. Bravissima

    RispondiElimina
  4. Dolcetti perfetti per leggere i tuoi racconti che rapiscono! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Non è giusto! Ero già immersa nella mia fervida immaginazione! Stavo vedendo tutte e tre sedute in quel bar dell'università e il barista con in mano il mocio, la scopa e il panno....che ridere! Sono curiosa di leggere il continuo, ti aspetto!
    Nel frattempo mi godo i tuoi dolcetti che sono buonissimi:)
    Un bacione cara, a presto!

    RispondiElimina
  6. diabolica Monica....continued o no continued?..lo sai vero che mi stamperò una maglietta una t-shirt con la scritta "carlotta vive e lotta insieme a noi!" sei una giusta.e poi dai passami un dolcettino...stupendi .sofficiosi!bacione a te

    RispondiElimina
  7. Buonissimi i bocconcini alle mele!!! Aspetto il seguito di Carlotta...

    RispondiElimina
  8. Io ne ho due che mi mandano spesso a quel paese.. una è una carissima amica nonchè mia parrucchiera e tu capisci che è meglio non farla incax più di tanto.. l'altra è Cri del blog la zucca capricciosa! Ma entrambe affettuosamente.. almeno spero! ahaahah Ottimi i dolcetti.. ne cchiappo uno! smack

    RispondiElimina
  9. CARLOTTA parlotta.... sei mitica Monica! anche i bocconcini...
    sandra

    RispondiElimina
  10. Voglio una Lara nella mia vita, soprattutto adesso, devo essere mandata a raccogliere ravanelli! Buonissimi questi bocconcini, salvati nella lunga lista di cose da fare :D

    RispondiElimina
  11. Meravigliosi e morbidi si mangiano senz'altro in un boccone :-P
    Un abbraccio a presto ^_^

    RispondiElimina
  12. Dicevamo. Diffidare dalla percezione. 1+1 non fa più 2. Perlomeno nel nostro mondo Moni, nel mondo di fiabe più vere che mai che ci racconti tu, catapultandoci poi dentro le tue ricette.
    D'altronde è un blog di cucina il tuo. Non starai mica provando a scrivere un libro no? No perchè allora, nel caso, dentro Carlotta Pallotta voglio esserci anche io. E voglio avere i capelli rossi, come ho sempre sognato di avere. E le lentiggini. Ed essere una scrittrice. E averti conosciuto e chiacchierato con te al bar. Ed essere quella che ha il gatto.
    Sono scema? Si.
    Ti voglio bene ♥

    RispondiElimina