Lo yogurt definitivo fatto in casa senza yogurtiera e io AUTOPRODUCO!



Il passaggio del ferragosto mi lascia sempre la sensazione dell'"ormai".
Ormai anche questa stagione se ne sta andando.
Il pensiero della scuola si avvicina sempre di più.
E con lui il pensiero delle cose da sistemare, da comprare.

Strana estate questa.
Fresca oltre l'inverosimile per quasi tutta l'Italia.

All'insegna della più completa pigrizia per me.
Un'estate fatta di famiglia al cento per cento, immersa nella quotidianità di tutti i giorni.

Ferie dove noi quattro siamo stati letteralmente "appiccicati" per riscoprirci nei gesti di tutti i giorni.
Perchè in fin dei conti le vacanze penso siano anche queste.
Godere gli uni degli altri nei gesti normali di giornate "normali".
Senza particolari squilli di trombe , mete esotiche o compagnie h24.

Noi.
I giochi.
Le risate.
I libri.
E tanti film.
Per noi, per le bimbe.

E un'insolita passione nata girovagando e riflettendo.
L'autoproduzione.
Un seme che era nelle mie onde cerebrali ma che ancora non era germogliato.

Ce l'ha fatta finalmente.
Ed è tutto un fermento a casa mia.
Yogurt, formaggi.
Orto sul balcone.
Piantine nate ,piantine in fieri, tentativi di riproduzione strani e inconsueti.

La soddisfazione è massima.
Mangiare poi quello che si è autoprodotto è bellissimo.
E' un gesto pieno di soddisfazioni.

Il primo passo è stato quello di provare a fare lo yogurt.
Senza yogurtiera ,ovviamente.

E' chiusa nella credenza da tempo immemorabile.
Quello yogurt non mi ha mai dato soddisfazioni.
Ho provato in tutte le maniere.
Ma era sempre  troppo liquido o troppo acido.

Ho cercato alternative.
Ma niente, nessuna raggiungeva la perfezione che io cercavo.
Finchè..

Finchè un giorno per caso sono capitata Qui, nel santo Graal di noi foodblogger.
Ho provato e finalmente eccolo.
Lo yogurt che cercavo da tempo.
Buono ,denso, fatto con il latte fresco, magari crudo.
E non con quello UHT.

Poco spreco di energia.
Niente intrugli strani.
Solo un pò di pazienza e qualche accorgimento.

Da questo yogurt ho ottenuto anche un fantastico formaggio che ricorda molto da vicino un formaggio cremoso molto famoso...ma di questo parleremo poi.
Allora lo yogurt che andrete ad usare deve essere con scadenza la più lontana possibile. Cercatene uno di qualità. E' importante perchè questo è il nostro starter.
E si sa,chi ben inizia è a metà dell'opera!
Deve essere bianco e intero.
Procuratevi una bella copertina in pile.
Una pentola d'acciaio pulitissima.
Un contenitore di plastica opaca e a chiusura ermetica

Se avete intenzione di acquistare il latte crudo vi lascio un link dove potrete trovare il distributore più vicino a voi. Cliccate QUI!


Yogurt fatto in casa senza yogurtiera

1 litro di latte INTERO fresco o crudo
2 cucchiai di yogurt bianco e intero

In una pentola d'acciaio mettete il latte. Posizionatelo sul fornello medio e portatelo quasi ad ebollizione (lo fermerete quando inizierà a salire e formerà la famosa pellicola,la panna).
Spegnete .
Immergete la pentola in un contenitore con acqua fredda per farla raffreddare più velocemente.
Coprite la superficie per evitare qualsiasi contaminazione.
A questo punto se avete un termometro per alimenti,immergetelo nel latte e fermate il raffreddameto quando arriva a 38 gradi.
Se non lo avete, immergete il dito e contate fino a dieci. Se riuscite a resistere tranquillamente e il latte vi sembra tiepido, è pronto.
(Sempre meglio tendente al freddo che al caldo per un'ottima riuscita).
A questo punto prendete il vostro contenitore di plastica. Versateci i due cucchiai di yogurt e stemperatelo con due cucchiai di latte.
Accendete il forno a 50 gradi per non più di un minuto. MI RACCOMANDO!
Una volta ottenuta una miscela omogenea versateci il resto del latte, girando con un cucchiaio.
Chiudete il contenitore, avvolgetelo nella copertina di pile e infilate il tutto dentro il forno appena tiepido, ovviamente SPENTO.
Chiudete e calcolate un sei, otto ore.
Non aprite il forno, non spostate il contenitore.
Questo è importantissimo, perchè altrimenti andiamo a disturbare il lavoro dei fermenti dello yogurt.
Trascorso il tempo necessario, prendete il vostro contenitore.
Se troverete un liquido denso e compatto lo yogurt è pronto.
Altrimenti potrete rimetterlo dentro il forno, coperto con il pile ,per altre due-tre ore, NON DI PIU'.
Una volta pronto, mettetelo immediatamente in frigorifero.
Vedrete con il passare delle ore che tirerà fuori una specie di siero giallastro e opaco.
E' un processo normale.
(ho letto che questo siero, se dato ai nostri animali domestici, gli fa un gran bene. Io l'ho
dato alla mia gatta snob che ha gradito moltissimo!!)
A questo punto potrete gustarlo come meglio credete.
Ricordatevi di tenere da parte ovviamente sempre due cucchiai di yogurt autoprodotto per poter fare il successivo!




9 commenti:

  1. e brava la mia amica..condivido in pieno la felicità dell'autoproduzione e aspetto di vedere cosa ci proporrai dopo questo magnifico yogurt!!
    io oggi ho riaperto il blog e la mia prima ricetta è la proprio la tua...
    ti abbraccio forte,buona settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara mi hai emozionato!Grazie cara amica!
      Un abbraccio grande grande
      Monica

      Elimina
  2. Non so se avrò mai la pazienza ma ho letto tutto attentamente, bravissima e grazie!!

    RispondiElimina
  3. Lo yogurt fatto da se è tutta un'altra cosa...io sono una decina di anni che al max ne compro uno x fare da starter...! Ma la lista dei distributori di latte crudo mi mancava!! Consultata e già trovato posto vicino x andarlo a prendere! Ti adoro! !

    RispondiElimina
  4. lo yogurt homemade e' sensazionale, una volta mia mamma lo faceva, io non so se avrei la pazienza di aspettare tanto, vedro' se lo provero' , comunque tu sei bravissima!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sabrina! Io sono la regina delle impazienti! ma ad esempio per quanto riguarda questo yogurt ho trovato la maniera di "mistificare" la mia impazienza. Lo preparo prima di andare a dormire,cosi il suo riposo coincide con il mio.
      la mattina mi sveglio e voilà,lo trovo pronto!
      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  5. Pazienza a iosa la tua Moni....io avrei demorso molto prima.....con questo non dico che non è da provare....peccato che tra qualche giorno ripiomberò a dieta e lo yogurt non è contemplato in quanto latticino.....ma c'è la quinoa quindi non dispero.....(si è notata la nota sarcastica?!).

    RispondiElimina