4 dicembre 2017

Solbærsnurrer, le soffici brioche danesi

brioche danesi ai frutti di bosco

Solbærsnurrer, questo il nome, difficilissimo da pronunciare, delle soffici e piccole brioche al ribes (anche se io ho utilizzato semplicemente dei frutti di bosco surgelati), perfette per il periodo natalizio. Brioche danesi perché ormai sono entrata nel mood scandinavo.
E con me migliaia di italiani che progettano di mollare tutto e andarsene. Ho un'amica che l'ha fatto. Un divorzio alle spalle, un futuro incerto davanti e dei figli da crescere. Un colpo di spugna e si è trasferita in Svezia. 

Io ammiro chi ha il coraggio di mettere il punto alla propria vita. Chi decide che, anziché lamentarsi e non fare nulla, è ora di fare qualcosa e soprattutto di prendersi le proprie responsabilità. Fateci caso, è sempre colpa di qualcun altro mai la nostra. Del sistema, della società, della scuola, della famiglia e magari anche del gatto.

Mi sono resa conto che ormai mi danno noia questi discorsi che trovo privi di testa, gambe e spalle. Il mio mood scandinavo si rivela anche in una nuova attitudine: io posso cambiare la mia vita e, se non posso, almeno posso agire sui miei pensieri.

Questo è il bello della cucina. Un'innocua brioche è capace di scatenare una riflessione profonda. Il cibo è energia vitale e ispirazione!

Queste brioche sono molto semplici da realizzare. Il ripieno ai frutti di bosco è ingentilito dalla presenza della crema di formaggio ma risulta comunque leggermente acido. Il contrasto però è assolutamente inedito e stuzzicante per il palato. Se non gradite i frutti i bosco nulla potete utilizzare semplicemente della crema  di nocciole, confettura o un mix di burro morbido, cannella e zucchero di canna da stendere sulla superficie, prima di arrotolare l'impasto.

Accompagnatele con una tazza di tè caldo, possibilmente speziato e...think different!

SOLBÆRSNURRER

                                                brioche ai frutti rossi


per l'impasto

1 uovo
125 g burro
220 ml di latte intero
125 g di zucchero
600 g di farina
1 bustina di lievito di birra o 1 cubetto da 25 g
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di cannella in polvere

per il ripieno

200 g di ribes nero o frutti di bosco surgelati
200 g di formaggio spalmabile
80 g zucchero + 2 cucchiai
2 cucchiai di acqua

oppure

crema alle nocciole
confettura del gusto preferito
crema al burro fatta con 100 g burro morbido, 2 cucchiai di cannella e zucchero di canna

Scalda il latte con il burro. Appena questo sarà sciolto, spegni e fai raffreddare.

In un pentolino metti i frutti, l'acqua e 2 cucchiai di acqua. Porta lentamente a bollore e fai cuocere fino a che i frutti saranno morbidi. Spegni e metti da parte.

Prendi la planetaria o un robot da cucina e versa la farina, il sale e lo zucchero. Mescola con cura. Aggiungi il lievito di birra, la cannella e il composto freddo di latte e burro. Unisci l'uovo e lavora bene l'impasto. Non ti scoraggiare se all'inizio ti sembra troppo appiccicoso e non aggiungere altra farina. Ci vogliono circa dieci minuti perché inizi a essere uniforme e morbido.

Metti a lievitare in un luogo caldo per circa un'ora e mezzo.

Decidi la tua farcitura: crema al formaggio e frutti rossi, oppure crema alle nocciole o confettura del tuo gusto preferito. In alternativa prepara un mix fatto di 100 g di burro morbido lavorato con 1 cucchiaio di cannella e 4 di zucchero di canna.

Nel frattempo prepara la crema al formaggio, semplicemente mescolandola con lo zucchero previsto.

Prendi l'impasto, stendilo a rettangolo e inizia a farcirlo, spalmando la crema di formaggio ( o quello che ti piace di più) sulla superficie. Aggiungi i frutti rossi, arrotola dal lato corto e taglia in tante piccole girelle.

Metti sulla placca del forno rivestita di carta forno e cuoci in forno caldo a 200 °C per circa venti minuti. Controlla sempre il grado di cottura, ogni forno è diverso.

Fai raffreddare e spolvera di zucchero a velo!

Ricetta The Nordic Kitchen.


2 commenti:

  1. bellissime oltre che buone,sono da fare per regalarsele,un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Penso che le preparerò anche se le chiamerò in altro modo! Golosissime!

    RispondiElimina